Infiltrazioni

Le infiltrazioni sono iniezioni eseguite dal medico (Fisiatra o Ortopedico) all’interno di un’articolazione o sul tessuto periarticolare con una frequenza e una periodicità che dipende dal farmaco utilizzato e dalle specifiche esigenze del paziente. Le infiltrazioni sono indicate per il trattamento di diverse casistiche, non provocano particolare dolore e danno una risposta rapida alla sintomatologia dolorosa del paziente. A seguito del trattamento è possibile compiere le consuete attività quotidiane; è semplicemente consigliato di attendere 24 ore prima di svolgere attività sportiva.I farmaci più comunemente utilizzati per le infiltrazioni sono:

  • acido ialuronico: si tratta di uno dei componenti fondamentali della cartilagine articolare e si rivela particolarmente utile perché è in grado di proteggere e “nutrire” la cartilagine residua, andando a lubrificare l’intera articolazione. Il suo utilizzo permette di prevenire e rallentare l’insorgere di danni artrosici, oltre a diminuire i sintomi antalgici; di norma si esegue un’infiltrazione a settimana per 3 settimane, fino ad un massimo di due cicli all’anno;
  • corticosteroidi: gli antinfiammatori steroidei (il cosiddetto cortisone) permettono di intervenire quando il danno cartilagineo è già esteso ed evoluto in artrosi: il farmaco ha il ruolo di ridurre la flogosi (infiammazione) e la sintomatologia dolorosa, permettendo un miglioramento nel 97% dei casi.

Le infiltrazioni con acido ialuronico o con corticosteroidi si utilizzano per numerose patologie, tra le quali:

  • artrosi della spalla,
  • artrosi del ginocchio
  • condropatia lieve del ginocchio
  • rizoartrosi
  • epicondilite ed epitrocleite (infiammazione dei tendini del gomito)
  • fascite plantare e spina calcaneare.

Per fissare un appuntamento con i nostri ortopedici clicca su CONTATTI