Cervicalgia

Cosa fare in caso di dolore alla cervicale?

Il dolore cervicale è un sintomo che si può presentare frequentemente in quelle persone che mantengono una postura sbagliata durante la giornata.

Possiamo distinguere due tipologie di dolore cervicale: un dolore cervicale acuto che si presenta con una forte sintomatologia associata a una limitazione del movimento del collo. Il dolore può essere localizzato in tutto il collo o solo da un lato o ancora, potrebbe irradiarsi lungo tutto il braccio.Questo sintomo può essere scatenato da un trauma a livello della cervicale (classico colpo-di frusta), da una posizione sbagliata mantenuta per molto tempo o da una esposizione della cervicale ad una corrente d’aria fredda.

Il dolore cervicale cronico invece, solitamente ha un storia passata caratterizzata da frequenti episodi di dolore cervicale acuto che sono andati via via scemando lasciano un dolore meno forte, ma costante, profondo e difficilmente localizzabile.

In entrambi i casi bisogna intervenire tempestivamente.

Tutte le strutture che compongono il collo, se stressate possono provocare questa sintomatologia quindi bisogna essere in grado capire con precisione qual è quella responsabile del sintomo per poi andare a trattarla con le tecniche e i macchinari più efficaci. Bisognerà quindi analizzare disco, legamenti, faccette articolare, radice nervosa e vertebre. Il trattamento nel dolore cervicale acuto forse risulta essere più semplice perchè tende a risolversi spontaneamente dopo un periodo di tempo più o meno lungo, quello che dobbiamo evitare è che il sintomo lasci dei residui sintomatologici che nel tempo porterebbero alla cronicità.

In fase acuta per i primi 2-3 giorni quindi bisogna bloccare la cervicale con un collare, evitare movimenti bruschi e se necessario assumere qualche antiinfiammatorio al bisogno. Successivamente evitare tutti quei movimenti che acutizzano la sintomatologia promuovendo quelli invece che la riducono. Possono essere d’aiuto anche delle leggere trazioni del collo per drenare l edema e favorire il distanziamento delle vertebre con migliore idratazione delle cartilagini. A questo punto spetta al fisioterapista capire il motivo che ha causato questo evento acuto per evitare che in futuro se ne possano presentare degli altri.

Le cause possono essere le più disparate: Un muscolo pettorale rigido, una postura sbagliata, una cervicale alta rigida, una colonna toracica rigida, un’ ipermobilità della cervicale media e bassa, un lavoro troppo pesante, degli ischiocrurali rigidi, un’ eccessiva lordosi lombare, una rotazione interna delle spalle, una cifosi eccessiva, una instabilita’ scapolare…

Cosa fare a questo punto? Bisogna analizzare bene il quadro clinico e trovare e trattare quella che può essere la causa più importante che poi scatena il tutto il quadro sintomatologico. Presso il centro FISIOFIT potrai trovare dei fisioterapisti preparati che analizzeranno nel dettaglio la problematica trovando il percorso terapeutico più veloce e risolutivo. Per i dolori cervicali andremo ad agire con le seguenti tecniche di trattamento:

TECAR TERAPIA

MASSAGGIO

TRAZIONI

KINESIOTAPE

MOBILIZZAZIONI ARTICOLARI

MANIPOLAZIONE FASCIALE

GINNASTICA POSTURALE

TERAPIA MANUALE

PILATES

Per informazioni